Alessandro dell’ Acqua

ALESSANDRO DELL’ACQUA

(1962; Italia) Nel 1981, terminati gli studi all’Accademia delle Belle Arti di Napoli, Dell’Acqua comincia subito a lavorare presso stilisti conosciuti, quali Genny, Versace, Iceberg, Mariella Burani, Les Copains, Maska, D&G, Christian Lacroix, Byblos e Gilmar. Nel 1988, grazie al suo talento per le creazioni in lana, diventa direttore artistico del marchio Pietro Pianforini, celebre designer di maglieria,  cashmere e jersey. Finalmente nel 1996 presenta a Milano la sua prima collezione donna autunno/inverno dal titolo eccentrico: “Punk on a mediterranean woman”, in cui riesce a combinare eleganti tagli sartoriali con sensualità e femminilità e per merito delle sue linee armoniose abbinate al rigore, viene identificato subito come stilista del futuro.

Il debutto per l’uomo invece avviene nel 1988, al Pitti Uomo di Firenze e dal 2000 viene nominato Direttore creativo di Borbonese. Oggi il suo marchio comprende anche scarpe, profumi e occhiali.

Tra le sue caratteristiche troviamo l’uso dei toni pastello, che lo stilista ama molto e i giochi di luce che illuminano la silhouette. Mescola in modo armonioso materiali nobili come la seta e il cachemire con tessuti grezzi, deformando il lusso e creando un look molto moderno.

Una sua celebre affermazione identifica il suo stile: “Ogni donna deve essere oggetto del desiderio”, infatti le sue linee semplici mettono in risalto la sensualità. Le icone ispiratrici sono quelle del cinema italiano, quali Sofia Loren, Anna Magnani e Monica Vitti, vale a dire donne forti ma allo stesso tempo sensuali ed eleganti; ma anche Courtney Love e le star hollywoodiane anni ’50. Un altro punto importante del suo stile è la fusion che avviene tra moda e arte, si ricorda infatti la collaborazione con la video artist e fotografa Vanessa Beecroft.

Nel 2002 viene nominato direttore artistico di “La Perla”, per la quale disegna la prima linea di abbigliamento, protagonisti il giallo e il nero, chiffon con tagli, intarsi e sovrapposizioni per abiti pareo, allacciati intorno al collo, con inserti preziosi, fusciacche, canotte di pizzo, bomber e polacchini di piume di struzzo.

Nel 2003 il gruppo Redwall acquisisce il 70% del marchio. Dal 2009 lo stilista prende il posto del duo “6267” nella direzione creative di Malo (marchio di maglieria in cachemire del gruppo It Holding).

Nel febbraio 2010 Dell’Acqua torna sulle passerelle dopo un periodo di silenzio con la collezione N° 21 (data di nascita e numero fortunato dello stilista), il cui target è più giovane e lo stile più sobrio e giornaliero.

Oggi Dell’Acqua è il principale stilista dei marchi Redwall e Borbonese, nel settembre 2011 è stata presentata la sua nuova collezione per la casa di moda Brioni.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *