Franco Moschino

FRANCO MOSCHINO

(1950 – 1994; Italia) Moschino è stato definito l’enfant terrible della moda italiana e non c’è presentazione che calzi meglio per questo stilista: infatti è rimasto sulla cresta dell’onda per soli 10 anni a causa di una prematura scomparsa, ma ha comunque segnato il cammino della moda italiana, con il suo essere sempre fuori dagli schemi comuni, con creazioni che si propongono come parodia e critica di quel mondo.
Benché il sogno sia quello di diventare pittore (infatti frequenta l’Accademia di Brera a Milano), quando comincia a lavorare per Versace come illustratore, cambia rotta e grazie alla griffe Cadette, dove lavora per un po’ di tempo, affina le sue conoscenze stilistiche ed è pronto al debutto dell’83, già da subito caratterizzato da uno stile esagerato, perverso e ironico. Secondo lui non inventava niente, ma ripresentava semplicemente ciò che esisteva già nel XX secolo, aggiungendovi solamente tanta fantasia e un po’ di ironia (si ricordi il tubino con il prezzo ricamato sopra o il top con un seno disegnato come un trompe-l’oeil o ancora le camicie con più maniche o monomanica): i suoi vestiti si dimostrano estremamente innovativi ed inusuali, ponendosi come punto di partenza per stilisti come Jean Paul Gaultier.
Moschino rielabora capi classici, aggiungendo dettagli “irriverenti”, come i tailleur con girandole al posto dei bottoni, gonne realizzate interamente di cravatte, T-shirt con la scritta “Moschifo”. Anche le sue sfilate si distinguono per originalità, con le modelle che sfilano in ginocchio. Altre volte si fa fotografare vestito da donna ed invia ai media degli slip come inviti alle proprie collezioni.
Alla sua morte a capo della Moschino subentra la sua collaboratrice Rossella Jardini, e dall’autunno del 1999 il marchio Moschino è stato rilevato dal gruppo Ferretti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *