Roberto Cavalli

ROBERTO CAVALLI

(1940; Italia) Lo stilista studia all’Accademia delle Belle Arti e inizia realizzando una serie di stampe floreali su maglia collaborando con importanti maglifici italiani. Amante della pelle, negli anni ’70 brevetta un particolare procedimento di stampa da attuare proprio su questo tessuto. Crea inoltre patchwork di materiali e colori e si distingue per la sua fonte di ispirazione, che è la natura e collezione dopo collezione, trasforma il suo modo di interpretare la pelle, passando dalle livree pitonate a ricchi ricami e intarsi preziosi e vestendo la pelle di colori e riflessi sempre nuovi.

Ogni sua nuova collezione ha un impatto molto forte e si tratta di collezioni di denim stampato, fatto di intarsi di pelle, broccati e stampe animalier, puntando sempre sul glamour: infatti le donne per le quali crea sono carismatiche, molto sofisticate la cui personalità viene enfatizzata dalle linee sensuali dei suoi abiti.

Dopo un periodo di pausa, negli anni ’90 Cavalli torna ad occuparsi di moda insieme alla moglie e la prima sfilata si tiene a Milano nel 1994, presentando jeans invecchiati con un procedimento speciale a getto di sabbia.

Il suo stile è una fusione tra arte e moda (forse influenzato dal nonno che era un importante pittore) e la sua importanza è dovuta anche alla particolare ricerca sui materiali e sulle nuove tecnologie nel campo della moda.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *